Torna alle notizie

Prestiti per i Segnalati Cattivi Pagatori e per i Protestati

Carissimi Dipendenti Pubblici e Statali o Privati e Pensionati Prestitia si propone, con il proprio staff di consulenti, per analizzare la vostra storia e la vostra necessità economica, interpellateci!!

Chi oggi non ha problemi economici per ritardi nel pagamento di rate di prestiti in corso?

Quante persone hanno problemi per assegni o cambiali che sono andate protestate in quanto in quel momento c’erano altre esigenze, altre urgenze?

Non stiamo parlando di giustificazione per errori commessi per inesperienza o spregiudicatezza, ma di cose serie che hanno a che fare con problemi legati ad esigenze personali o familiari e per improvvisa perdita del lavoro o per Cassa Integrazione .

Con problemi di questo tipo il Dipendente o il Pensionato ha la possibilità di essere finanziato lo stesso con il Prestito per Segnalati o Protestati: Cessione del Quinto dello Stipendio o della Pensione.

Non serve il Garante è sufficiente la tua firma. La garanzia è il tuo lavoro a tempo indeterminato o la tua pensione.

Ha vantaggi importanti quali:

  1. Rata costante,
  2. Tasso fisso per tutta la durata,
  3. Durata fino a 120 mesi,
  4. Rata trattenuta direttamente in Busta paga dal datore lavoro,
  5. Se decidi di chiudere in anticipo non paghi la rimanenza degli interessi e delle assicurazioni, inoltre recuperi una parte delle spese di intermediazione.

Il Prestito a Segnalati e a Protestati lo puoi usare sia per avere liquidità disponibile che per saldare vecchi debiti per i quali sei segnalato in Centrale rischi e così entro il termine fissato dalla norma ritornare finanziabile.

Sei un Dipendente Pubblico o Statale o Privato a tempo indeterminato? Hai già in corso una Cessione del Quinto? Puoi richiedere una seconda Cessione o Delega del Quinto solo se il Datore lavoro è d’accordo. Legalmente la Cessione del Quinto la deve accettare mentre la Delega è sua facoltà concederla.

 Per i tuoi Prestiti chiedi una consulenza o un preventivo a Prestitia!!!!

Prestitia è convenzionato con i migliori Istituti di Credito ed è altamente competitivo, fidati avrai modo di confrontare e convincerti che quello che promettiamo poi lo realizzi realmente!!!!

Leggi di più
  • Pensionato….trattenuta di PARTE di un quinto è in essere con contratto decennale…inizio trattenuta Nov.2010…In possesso del certificato rilasciato dall’INPS sulla cedibilità di quote disponibile…sono passati 2 anni dall’inizio di qeusta trattenuta…posso ricorrere alla cessione con delega (doppio quinto) come previsto dalla legge in materia ?…..importo trattenuta in essere 150€…..disponibilità certificata quote esigibili 228€ estinguendo la precedente con la certificata è possibile rinegoziare il tutto ?, ho già richiesto all’INPS la possibilità e sono in attesa di una risposta…..Pareri discordanti in proposito : Come fa l’INPS (Stato) a rilasciare il certificato di esigibilità di quote disponibili se lo Stato stesso rappresentato dalla Banca d’Italia, ne disconosce la creditività arrogandosi la chiaroveggienza (4 anni) per riconoscere (ammissione) la certezza matematica dallo Stesso legislatore preclusa ?….Ironia della sorte ” IL CERTO E’ RICONOSCIUTO ” Ma viene surclassato DALL’INCERTO e QUINDI PALESEMENTE SCONOSCIUTO, il tutto derivato da una CHIAROVEGGENZA ” 4 anni ” la vita e le necessità si presentano OGGI, la lungimiranza NON E’ DATA A SAPERSI!
    AIUTO ALLE FAMIGLIE ?….pIù RIDICOLI DI COSI’ –LA DISPONIBILITA’ CERTIFICATA ESISTE, MA SI DEVONO ASPETTARE I TEMPI IGNOTI per concessione crediti !!!!!!
    Purtroppo sono Un Pensionato che non gode di VITALIZI (ndr)

    Reply
    • Prestitia says:

      Signor Giordano buongiorno,
      come lei tante persone, troppe, sono in affanno e i governanti fanno finta di nulla, tirano avanti come se questa situazione di difficoltà economica per le famiglie non fosse straziante. Come lei tanti purtroppo, siamo tutti sulla stessa barca ed ho l’impressione che cambiando ancora una volta i volti dei governanti la situazione non migliorerà, ma al contrario sia la scena che i fatti peggioreranno.

      Le rispondo al quesito che mi ha posto.
      La Cessione del Quinto si può rinnovare in due casi:
      1. se è trascorso il 40% della durata del contratto e per il suo caso vale il 2014;
      2. se il contratto ha durata fino a 60 mesi: solo se si raddoppia la durata.
      Quindi lei è escluso dal Rinnovo.

      Per le persone in Pensione non è prevista la seconda Cessione o Delega del Quinto.

      Peraltro lei ha una Quota Cedibile di € 228 e la Cessione che ha in corso è di € 150 di rata, le rimangono a disposizione quindi € 78. Dovrebbe quindi interpellare la società finanziaria con la quale ha in corso la Cessione di completare la Quota Cedibile con un’altra Cessione, che non è la Delega.

      Ritengo personalmente una fesseria questa operazione, ma in base alla normativa è l’unica che è fruibile. Sarebbe molto più logico trattare complessivamente la cosa con una rinegoziazione, ma così va il mondo.
      Saluti e auguri, Renzo

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>